Ce que tu es (Paesaggi), Ce que tu es (Mescolanza meccanica 0.1), 2010-2016

loading...

Nella serie fotografica Ce que tu es (Paesaggi), una semplice torcia da campeggio è lo strumento per un'indagine quasi speleologica nell'oscurità di ambienti naturali apparentemente remoti, ma spesso dietro l'angolo di casa, come piccoli spazi industriali in disuso rimodellati dall'azione spontanea della natura, o un bosco che si è appropriato di ciò che l'uomo ha abbandonato.

Con lunghe esposizioni questa luce essenziale restituisce luoghi sospesi tra realtà e dimensione mentale, dove ampie zone buie lasciano spazio all'incerto così come all'immaginazione.

Nell'installazione Ce que tu es (Mescolanza meccanica 0.1), la dimensione evocata dalle fotografie si estende a spazio tridimensionale, concettuale e al contempo concreto.

Alcuni specchi, fragili e impenetrabili, sono sospesi e mobili nello spazio tra le fotografie appoggiate alle pareti. Guardando i lavori fotografici, è impossibile ignorare la propria figura riflessa negli specchi, frammentata e mescolata con parti dell'ambiente circostante, in un lento susseguirsi di vedute mutevoli e sempre parziali.

Il titolo è mutuato da un insegnamento esoterico degli anni Venti, che paragona la nostra vita psichica a un alambicco riempito di diverse polveri metalliche. Ogni cambiamento accidentale della posizione dell'alambicco modifica l'assetto relativo dei metalli: in questo stato di mescolanza, nulla è permanente e le relazioni reciproche delle polveri sono variabili e instabili.

Leggi l'articolo Laura Viale. Ce que tu es, di Andrea Lerda, www.platformgreen.org